Cravatta si-Cravatta no

Cravatta si-Cravatta no e nodi da abbinare.

Cravatta si-Cravatta no

Nodi di cravatta.

Inutile negarlo, la prima cosa che si osserva in un uomo elegante è la cravatta.
Non è una frase fatta ma un insegnamento che si riscontra nella vita di tutti i giorni: “la bellezza a volte, passa attraverso le piccole cose”, sia nella vita di tutti i giorni, in occasioni di lavoro particolari, cerimonie, serate di gale o al teatro, la vostra immagine passa attraverso gli abiti, vestiti e sicuramente una bella cravatta. Un piccolo particolare che sicuramente riesce a dare quel tocco di stile e unicità che vi farà distinguere dalla massa. Se è scelta male lo leggi immediatamente anche sulla faccia degli altri e l’imbarazzo è tale che non vedi l’ora di toglierla anche se indossi un abito di Gucci o di vattela a pesca. Per cui ogni volta che qualcosa avviene in un quadro di ampia portata, una cravatta è adatta o addirittura indispensabile. Non soltanto per sottolineare il carattere festivo dell’occasione, ma anche perché la cravatta mostra il rispetto dell’ospite e gli sforzi che egli ha fatto per la festa.
E’ proprio dalla cura di dettagli importanti come la cravatta che si elabora l’eleganza maschile e la bellezza dei nodi che è possibile abbinare.
Cominciamo dalle regole base da seguire nella scelta, semplici e universali: cravatta e camicia non devono avere disegni o trame simili, ad esempio, una camicia a righe non si abbinerà mai a una cravatta a righe o alla giacca a righe. L’abbinamento delle cravatte aventi delle colorazioni molto vivaci, andranno fatte accompagnandole a camicie che abbiano un colore uniforme.
Ad esempio, abito blu, camicia bianca e cravatta blu con trame puntinate bianche, rimanderà un’immagine di voi elegante e sicura; un abito blu scuro con camicia bianca e cravatta amaranto puntinata di bianco, rimanderà un’immagine di voi più decisa e carismatica; mentre un abito grigio gessato con camicia grigia perlata abbinata ad una cravatta rosa, darà più l’idea di manager di successo.
Infine, anche i nodi possono delineare un certo portamento, per cui è bene scegliere quello più adatto alla cravatta ed alla situazione del momento.
Il nodo semplice, si porta con tutti i colli di camicia, viene chiamato anche “four in hand” (tiro a quattro), quattro passaggi, il nome deriva dall’omonimo club londinese che lo avrebbe reso celebre.
Il nodo “Windsor”, perfetto per le grandi occasioni, spesso e triangolare si porta con tutte le camicie a collo all’italiana o aperte. Dovete scegliere una cravatta lunga per questo tipo di nodo, in quanto i passaggi per realizzarlo ne limitano la lunghezza.
Il nodo “mezzo windsor” anche questo da tutti i giorni, da utilizzare con una camicia con collo all’italiana.
Il nodo “plastron”, più adatto alle grandi ooccasioni come cerimonie e matrimoni.
Il nodo “piccolo” o “Orientale” è perfetto con cravatte spesse e colli abbottonati e stretti, è un classico per tutti i giorni e dona molto agli uomini alti, con il busto lungo e il collo un po’ largo.
Il nodo “Onassis” è molto chic ed anche semplice da realizzare. Prende il nome dal grande armatore greco che lo ideò negli anni ’60 facendone un tratto distintivo del suo stile elegante e ricercato. È simile al nodo Semplice con la differenza che alla fine la parte larga della cravatta non viene fatta passare nel nodo ma viene lasciata libera, come fosse una sciarpa, adatta in questo caso per uno stile più informale.

Visitate lo shop e scegliete subito la cravatta ideale per le vostre occasioni!

Più carattere al tuo stile con gli accessori giusti

Più carattere al tuo stile con gli accessori giusti: papillon, pochette, e…

Più carattere al tuo stile con gli accessori giusti

Ciò che può fare la differenza nello stile di un uomo è senza dubbio il giusto accessorio. Se una donna ha mille modi per essere elegante, femminile e diversa dalle altre, l’uomo per non apparire scontato e piatto deve riuscire a distinguersi per la ricercatezza e l’originalità dei suoi acccessori.
Ogni dettaglio, se ben abbinato, riuscirà infatti a dare più carattere al tuo stile con gli accessori giusti, per cui vediamone alcuni:
1. La pochette nel taschino della giacca è diventata ormai un pezzo irrinunciabile, soprattutto in questa primavera – estate. Sappiamo bene quanto può essere impegnativo riuscire ad indossare e sopratutto sopportare la cravatta nelle calde giornate estive. Per questo sia che decidiate di indossare o meno la cravatta, la pochette riuscirà certamente a conferire al vostro look un tocco di stile in più, perché aggiungerà colore e movimento al tutto.
2. Il fatidico papillon. Si perchè, come abbiamo già avuto modo di ribadire, il papillon oggi non si indossa più solo nelle occasioni speciali, ma in qualsiasi momento del giorno o della sera in cui avete voglia di dare al tuo vostro un tocco speciale ed originale. Persino sopra ad una camica in jeans, o a quadri, riesce a stupire con eleganza, purchè tu riescariusciate a ricreare un effetto armonico con i colori e con i materiali.
3. L’orologio è un classico immancabile, ma dovreste cambiarlo secondo la stagione. I cinturini dai colori vistosi sono perfetti nella bella stagione. Restano ovviamente un classico senza tempo gli orologi di lusso, o l’ormai molto in voga e lussuoso Apple Watch, oggetto dei desiderio di molti fans di Apple.
4. Fermacravatte e spille, tornati di gran moda per quest’anno. Il fermacravatte può essere usato in modo tradizionale, oppure puntato come una spilla sopra il revers della giacca o sul taschino, e poi le spille che potranno essere indossate direttamente sulle cravatte, spille in questo caso di dimensioni un pò più piccole in modo che non risultino troppo pesanti, oppure direttamente sul risvolto di giacche formali o sui revers, per dare alla giacca un pò di verve in più.
5. Gemelli da polso, spesso considerati accessori da abbinare ad un look formale, oggi vengono portati in tanti modi davvero originali. Diversi modelli decisamente più audaci sono capaci di dare un tocco rock a chi desidera osare di più. Naturalmente non ci riferiamo a quelli con pietre preziose o metalli dorati, ma gemelli di passamaneria colorata, oppure con soggetti un pò ironici.
Oltre agli accessori di cui vi ho appena parlato, ponete particolare attenzione anche alla scelta di una bella cintura, di calze adeguate e sicuramente delle scarpe le quali sono in realtà molto più che un semplice accessorio!

Papillon anche di giorno

Papillon anche di giorno: come indossarlo.

Papillon anche di giorno

Papillon anche nelle occasioni informali.

Oggi ci ritroviamo a parlare del papillon uomo, un accessorio di grande tendenza che può facilmente essere indossato anche nelle occasioni informali, naturalmente creando il giusto abbinamento con questi piccoli consigli.
Il papillon uomo da sempre è in grado di definire in modo chiaro la personalità di chi lo indossa, simbolo di pura eleganza, oggi per fortuna è stato rivisitato per cui può essere facilmente adattato anche per i look casual, mantenendo comunque la sua natura di attraente accessorio della moda uomo.
Molto in voga nell’ultimo periodo sopratutto fra i giovani che lo rendono protagonista del loro abbigliamento non solo agli eventi serali e cerimoniosi, ma anche di giorno con mise informali, vi proponiamo però alcuni accorgimenti.
1. La camicia – Partiamo dal giusto abbinamento tra un tono e l’altro, quindi se volete indossare una camicia a fantasia assolutamente un papillon a tinta unita e viceversa. Per un look più fresco e sbarazzino il Papillon anche di giorno può essere indossato su una camicia di jeans. Dettaglio importante da considerare sarà però il colletto, che deve essere piccolo o meglio ancora alla “francese”, cioè con le punte rivolte verso l’esterno, in modo tale che non spuntino da sotto il papillon, oppure potete optare per una camicia con le punte arrotondate.
2. La giacca – Di giorno o per rendere il vostro look più casual, l’ideal sarebbe indossare una giacca dal taglio moderno oppure potete scegliere di sostituirla con maglioni, cardigan o gilet.
3. Forma e dimensioni papillon – Quello a “farfalla” è sicuramente il favorito, ma c’è anche chi osa puntando su quelli a “punta” o “stretti e allungati”. Le misure di solito variano dai 2,5 cm ai 5-6,5 cm, la scelta dipende comunque dalle dimensioni di collo, viso e spalle.
Se volete valorizzare la vostra mise in qualsiasi occasione non vi resta che scegliere quello che più vi si addice direttamente nel nostro store online, dove troverete numerose proposte originali ed eleganti e naturalmente… made in Italy!

Cravatta fatta a mano

Cravatta fatta a mano: Ludovico Original.

Cravatta fatta a mano

La vera cravatta fatta a regola d’arte.

Molti sono convinti che l’eleganza risieda nella firma prestigiosa, in una grande marca o ancora peggio che sia l’etichetta ben in vista a rendere partecipi di un’èlite.
Poi, per fortuna, ci sono i pochi che non trovano la loro identità in un marchio e che sanno dove cercare l’eccellenza “SU MISURA”, con modelli unici e sopratutto realizzati da veri e propri maestri. Leggi di più

Indossare la pashmina come le star

Indossare la pashmina come le star: qualche spunto.

La pashmina è un accessorio fashion sempre più presente nelle collezioni dei grandi marchi, nelle nuove collezioni e nelle varie sfilate.
In origine le pashmine venivano realizzate solo in cashmere, mentre oggi le possiamo trovare declinate in tanti altri materiali.
Il loro successo fu dovuto soprattutto al largo uso nel campo della moda da uomo, ma in tempi più recenti si sono fatte largo nel settore femminile fino a diventare degli accessori irrinunciabili per ogni vera fashion victim.
Facilmente indossabile sia di giorno che di sera, con tanti look differenti, per questa primavera-estate 2016 le tendenze richiedono le pashmine a stampa abbinate ad accessori in toni pastello.
Prendiamo spunto, dunque, dalle star:

  1. Jessica Alba 
pashmina
L’ attrice Jessica Alba , punta su un look casual con jeans e pashmina, mentre fa commissioni fuori dallo Studio City .

Indossare la pashmina come le star

 

2.  Salma Hayek

come indossare la pashmina
Salma Hayek sceglie di indossare la pashmina come turbante, per un look easy-chic

3. Rosario Dawson

come indossare la pashmina
L’attrice Rosario Dawson assiste al premiere di Magnolia Pictures “Marley ” all’Arclight Hollywood,
puntando su un abbinamento nero su nero. Pashmina nera con giacca nera!

4. Michelle Pfeiffer

pashmina
Michelle Pfeiffer assiste al premio cinematografico inglese di “Dark Shadows ” presso il Cinema Empireo a Londra, e non rinuncia alla pashmina che la utilizza a mò di scialle.

5. Cameron Diaz

indossare la pashmina come le star
Cameron Diaz vivacizza ancora di più il suo vestito floreale indossando una pashmina colorata di rosso.

E voi come la indosserete?

Foulard di seta

Foulard di seta: come indossarlo.

Foulard di seta

10 modi di indossarlo!

Uno degli accessori più glamour e trendy, ma nel contempo ahimè peggio utilizzati e incompresi è senza dubbio il foulard di seta.
Il foulard di seta è ora, come non mai, diventato uno degli accessori must have per i look delle fashion icon internazionali, un accessorio senza tempo indossato da sempre da regine, dive e attrici, rappresenta un classico che non tramonta e che sopratutto non dovrebbe mancare negli armadi.
Molto spesso, però questo superbo capo di stile, viene abbinato e indossato in modo sbagliato, svalutandone le proprietà di eleganza e stile per le quali è nato.
Per rendere particolare qualsiasi look e donare un tocco magico ad ogni mise, di giorno e di sera, vi proponiamo un paio di modi per indossarlo… con stile!
1. Come fascia per capelli, tipico della grande Brigitte Bardot, basterà annodarlo dietro la nuca e lasciar cadere le estremità lungo la schiena. Effetto assicurato sopratutto se portate la frangia.
2. Come elastico per capelli, un pò da anni ’60 ma di sicuro effetto romantic-chic. Raccogliete i capelli a coda di cavallo con un normale elestico per capelli e poi legatevi sopra il foulard di seta.
3. Star di Hollywood, indossatelo in modo che la testa e i capelli siano coperti e passatelo anche intorno al collo; provate ad abbinare un paio di occhiali da sole maxi, il risultato sarà perfetto.
4. Carioca style, da indossare come una fascia ma, questa volta, con il nodo legato sulla fronte in perfetto stile carioca. Provatene l’effetto quest’estate per una festa in spiaggia.
5. Vintage style, semplicemente coprendo la nuca e legandolo sotto il mento. Perfetto abbinato ad un trench e per un raduno magari in vespa.
6. Stile francese, basterà piegare il foulard a triangolo e poi ripiegarlo fino a farlo diventare una fascetta. A questo punto passatelo intorno al collo e legatelo con un semplice nodo davanti sulla parte destra.
7. Alla schiava, molto in voga negli ultimi anni, basterà legarlo al polso o alla caviglia. Scegliete una fantasia vivace per far colpo questa estate.
8. Look boehme, per la primavera-estate sarà facile da ottenere con un foulard indossato come se fosse una cintura. Basterà arrotolare il foulard più volte su se stesso, farlo passare nei passanti dei pantaloni e poi chiuderlo con un nodo, meglio se laterale. Per ottenere un maxi fiocco très chic utilizzate un foulard più lungo.
9. Look country e casual, basterà formare un triangolo, posizionare il lato lungo sulla fronte e legate le estremità dietro la testa. Per dare un effetto incredibilmente chic scegliete un foulard plissettato.
10. Legato alla borsa, ha spopolato tra le dive questo nuovo modo di portare il foulard di seta, perchè non deve essere necessariamente indossato per impreziosire e abbellire il vostro look. Basterà annodarlo al manico della borsa, ma vi sconsiglio di usarlo con le pochette!
Come avete visto il foulard si presta ad una grande varietà di soluzioni, riuscendo a dare un tocco di colore e di originalità ai vostri più disparati outfit. E voi come preferite indossarlo?
Suggeriteci altre tecniche così da sbizzarrirci con la nuova stagione!

Come scegliere la cravatta giusta

Come scegliere la cravatta giusta per ogni occasione!

Come scegliere la cravatta giusta

Oggi vi è l’imbarazzo della scelta per quanto concerne il setttore delle cravatte. Disponibili in diversi colori, forme, tessuti e fantasie, non si sa mai come scegliere la cravatta giusta per una determinata occasione.
Per facilitarvi un pò nella scelta ecco qualche dritta!
Possiamo cominciare col dire che esistono delle regole basilari da seguire nella scelta, semplici e universali. Ovvero la cravatta e la camicia non devono avere disegni o trame simili, quindi se ad esempio volete indossare una camicia o una giacca a righe, assolutamente non abbinate mai una cravatta a righe.
Nel caso in cui volete indossare una cravatta dalla colorazione molto vivace, dovrete accompagnarla ad una camicia dal colore uniforme. Per non sbagliare, vi consigliamo il bianco, che s’intona molto bene con qualsiasi colore.
Nei casi di occasioni importanti, ma non particolarmente formali, potete liberamente optare per una cravatta di lana, di maglia o anche velluto.
Le cravatte regimental, molto raffinate, presentano delle righe che si muovono in diverse direzioni, generalmente in obliquo a seconda del modello, ed è presente un colore predominante, sono principalmente consigliate per le occasioni formali, per l’ufficio, ecc.
Per apparire un pò casual ma sempre raffinati durante la bella stagione andranno bene le cravatte floreali.
Per cerimonie o cene di lavoro, la scelta più azzeccata è rappresentata da tonalità scure, nel caso in cui indossiate un abito chiaro, e viceversa con abiti scuri opterete per una cravatta chiara.
Se siete dei semplici invitati ad un matrimonio, potete indossare una cravatta stretta.
Nel caso di testimone di nozze, invece, la cravatta deve avere un modello di taglio classico. Si consiglia poi sempre di indossare completi scuri, in grigio, nero, blu, ai quali abbinare una camicia chiara  e una cravatta in seta a tinta unita o con fantasie quasi invisibili come righe sottili o piccoli pallini.
Mentre relativamente al colore, questo accessorio può ad esempio richiamare il colore del vestito da sposa (se ad esempio lilla, rosa, verde chiaro…), oppure quello della cravatta dello sposo (tranne che nel caso del bianco).

Scoprite tutti i modelli di LUDOVICO, confezionati secondo l’antica tradizione sartoriale italiana e utilizzando solo i migliori tessuti italiani.